Lunedì 20 Aprile, presso l’Hotel Europa, lo scrittore Roberto Pazzi ha presentato il suo romanzo “Vangelo di Giuda”. Un romanzo che si pone una domanda: perchè Cristo ha soltanto parlato, senza affidare mai nulla alla scrittura?

Uscito per Garzanti nel 1989, tradotto in inglese, francese, spagnolo, portoghese e rumeno, accolto con favore da pubblico e critica, vincitore del Super Premio Grinzane Cavour nel 1990, questo romanzo ha saputo anticipare la realtà, “prevedendo” l’esistenza di un Vangelo di Giuda ben prima che i recenti ritrovamenti archeologici ne rivelassero al mondo la scoperta.

Il romanzo ipotizza il vero tradimento di Giuda: non quello di aver consegnato il Cristo alla morte, ma di averne imprigionato il messaggio nella scrittura, destinata a diventare strumenti di dominio nelle mani di una casta di segreti, che avrebbero attribuito alla sua parola il significato a loro più conveniente per esercitare la supremazia sugli uomini.

Roberto Pazzi, che ha dimostrato anche in questa serata le sue doti di oratore affascinante e magnetico, ha raccontato poi gli esordi della sua passione per la scrittura, a partire da quando, alle scuole media, la sua insegnante gli faceva fare ogni Mercoledì il tema di italiano, che lui attendeva con ansia tutta la settimana, fino a fare diventare questa passione un lavoro di successo che lo porta tutt’oggi a viaggiare in tutto il mondo.

Al termine della serata lo scrittore ha autografato copie della sua opera ai numerosi soci presenti